seguici sulla ns pagina

La casa editrice
prossime uscite
catalogo
autori
distribuzione
Collane
narrativa
libri inchiesta
saggistica
il bosco di latte
in utero
la sposa del deserto
filosofia
criminologia
satirica
gli introvabili
Comunicazione
eventi
la stampa
contatti
link
newsletter
area riservata
Il progetto Paginauno
la casa editrice
la rivista

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura creativa
e FilmMaking

 

 

 

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Alice Rivaz

L'alfabeto del mattino.


1998
Narrativa

329 pagg.

14,00 euro
ACQUISTA LIBRO
(al prezzo scontato di 12,00 euro)


 

L’Autore

 

Rassegna stampa

Rivista Paginauno
L'audace outsider della letteratura europea del Novecento: Alice Rivaz
di Sabrina Campolongo, dicembre 2011
(leggi l'articolo)

 

Altri titoli in catalogo

Getta il tuo pane

Nuvole fra le mani

Racconti di memoria e d'oblio

Romanzo autobiografico di grande felicità narrativa, la storia di un'infanzia, un viaggio nella formazione della coscienza attraverso lo sguardo "dal basso" di una bambina: "La via della perfezione è disseminata di trappole per quei mostri disumani e anormali che sono le bambine troppo obbedienti che non mettono mai il broncio, le piccole fenici che non dicono bugie né parolacce, i topolini così buoni che non li si sente neppure"...

 

...pagina in costruzione...

 

L’Autore: Definita la Grande Dame della letteratura svizzera, Alice Rivaz (qui la scheda Autore completa) nasce nel 1901 a Rovray. Dalla più tenera infanzia vive sulle rive del lago di Ginevra, dove lavora fino all’età della pensione al Burea International du Travail. Nel mondo degli impiegati degli Organismi Internazionali ambienta il suo primo romanzo L’ora prima (Nuages dans le main – 1940), che rivela la capacità della Rivaz di costruire la trama attraverso la vita interiore dei personaggi, con immagini, parole e sensazioni. Nel 1945 pubblica Un peuple immense et neuf (Un popolo immenso e nuovo), un invito alle donne a prendere in mano la penna, ma la tematica femminile esplode nel romanzo-pamphlet La paix des ruches (1947, La pace degli alveari); un testo che anticipa di due anni i temi della riflessione femminile trattati da Simone De Beauvoir.
Nel 1961 esce la raccolta di racconti Sans Alcool e, nel 1966, Compez vos jours (Contate i vostri giorni), riflessione narrativa in undici stazioni sulla vita di una donna. L’Alphabet du matin, (1968, L’alfabeto del mattino) è l’ariosa rievocazione autobiografica dell’infanzia. Le creaux de la vague (1971, Il cavo dell’onda) è la continuazione di Comme la sable, del 1946, ambientati nel mondo del lavoro al BIT. Nel 1973 escono i racconti di De mémoire et d’oubli (Di memoria e d’oblio). Nel 1979 vede la luce Jette ton pain (Getta il tuo pane), culmine tematico e stilistico della scrittrice. Nel 1992, carica di riconoscimenti letterari, Alice Rivaz si ritira in una casa di riposo nei pressi di Ginevra. Muore nel 1998.

Torna su