seguici sulla ns pagina

La casa editrice
prossime uscite
catalogo
autori
distribuzione
Collane
narrativa
saggistica
il bosco di latte
in utero
la sposa del deserto
Comunicazione
eventi
rassegna stampa
area stampa
contatti
link
newsletter
area riservata
Il progetto Paginauno
la casa editrice
la rivista

la scuola
corsi di scrittura creativa, giornalismo d'inchiesta, traduzione letteraria

 

 

 

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Victor Serge

Anni senza perdono

Postfazione di Iacopo Adami

2022
Il Bosco di Latte
140 pagg.
formato 10 x 16,5 cm
ISBN: 9788899699659

12,00 euro

 

ACQUISTA LIBRO
(al prezzo scontato di 10,00 euro)

 

 

L’Autore

 

 

 

Siamo nella Russia degli anni Trenta, in pieno stalinismo; in un tempo in cui bisogna pensare allo zucchero e al petrolio, alle cimici nelle stanze, alle code nelle farmacie già svuotate, quando la miseria agisce nel cuore umano come una ferita segreta e la possibilità di guarire è legata al successo della restaurazione economica, che pur si auspica e si condivide. Ma l’individuo è solo mentre le grandi idee invadono le strade. Un equilibrio difficile, una coerenza messa a dura prova; un linguaggio che non si abbandona mai, se non all’amaro realismo.
Victor Serge denuncia, anticipando analisi politiche più attuali, i costi esistenziali di una trasformazione, i conflitti interiori di un popolo coinvolto in una grande ristrutturazione.
Ne Il vicolo San Barnaba si attende la morte di una vecchia per accaparrarle la stanza; ne L’ospedale di Stalingrado si ricoverano i dissidenti.
Esplode il conflitto individuo-potere e individuo-libertà; e così come accade oggi, le domande del grande scrittore restano senza risposta. Ma questo è il compito di chi scrive: “Non scrivere di menzogna e futilità.”

 

L’Autore

Victor Serge (Bruxelles 1890-Città del Messico 1945), giornalista e saggista, storico e romanziere, è una delle figure più affascinanti del movimento rivoluzionario della prima metà del Novecento. Anarchico in gioventù, poi bolscevico, partecipa alle vicende della rivoluzione d’Ottobre; schieratosi con Trotskij è deportato a Oremburg. Tra i primi ha denunciato nei suoi scritti gli orrori dello stalinismo. Muore in esilio. Tra le sue opere ricordiamo il celebre Memorie di un rivoluzionario, L’anno prima della rivoluzione russa, Vita e morte di Trotskij e il romanzo È mezzanotte nel secolo.



 

Torna su