seguici sulla ns pagina

La casa editrice
prossime uscite
catalogo
autori
distribuzione
Collane
narrativa
saggistica
il bosco di latte
in utero
la sposa del deserto
Comunicazione
eventi
rassegna stampa
area stampa
contatti
link
newsletter
area riservata
Il progetto Paginauno
la casa editrice
la rivista

la scuola
corsi di scrittura creativa, giornalismo d'inchiesta, traduzione letteraria

 

 

 

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Prossime uscite

 

maggio 2020
poesia e prosa

 

 

 

 

 

 

 

Bobby Sands

Scritti dal carcere

Traduzione di Enrico Terrinoni e Riccardo Michelucci

 

A 39 anni dalla morte, per la prima volta in italiano tutte le poesie e le pagine di prosa inedite scritte da Bobby Sands durante la sua carcerazione nei Blocchi H di Long Kesh, in Irlanda del Nord, tra il 1976 e il 5 maggio 1981, quando morì dopo 66 giorni di sciopero della fame.
Oltre 90 pagine di versi (40 componimenti) e più di 50 pagine di brani in prosa che il rivoluzionario irlandese, morto a 27 anni in protesta contro il regime di detenzione imposto dal governo britannico, compose scrivendo su carta igienica e cartine di sigarette.
L'amore per la libertà, l'attaccamento alla propria terra, il carisma, l'attenzione per i compagni, la passione per letteratura, storia e ornitologia: Bobby Sands rivela nei suoi testi non solo la tenacia di un ribelle acuto e inflessibile ma anche una straordinaria sensibilità umana e poetica, una capacità di trascendere e muoversi abilmente su diversi piani, oltre al senso morale altissimo che lo porterà in assoluta consapevolezza a scegliere di morire.

Prefazione inedita di Gerry Adams.

 

giugno 2020
il bosco di latte

 

 

 

 

Edith Wharton

La seconda occasione

 

Con questi racconti, e l’affilata potenza della sua prosa, Edith Wharton ci conduce nelle stanze più segrete del cuore di donne particolarmente coraggiose. Le protagoniste dei primi due racconti hanno avuto il coraggio di fare quella scelta controcorrente e scandalosa a cui le eroine dei suoi romanzi più famosi hanno rinunciato; hanno fatto vincere l’impulso potente del sentimento sulle convenzioni sociali e ora si trovano a convivere con le conseguenze di quella scelta. L’ultimo racconto invece si chiede cosa accadrebbe se non ci fosse castigo per aver seguito il proprio cuore, nessuna condanna se non quella che da sole ci infliggiamo. La risposta è tutt’altro che scontata.