seguici sulla ns pagina

La casa editrice
prossime uscite
catalogo
autori
distribuzione
Collane
narrativa
saggistica
il bosco di latte
in utero
la sposa del deserto
Comunicazione
eventi
rassegna stampa
area stampa
contatti
link
newsletter
area riservata
Il progetto Paginauno
la casa editrice
la rivista

la scuola
corsi di scrittura creativa, giornalismo d'inchiesta, traduzione letteraria

 

 

 

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Prossime uscite

 

Narrativa - Reissue

settembre

 

 

 

 

 

John Wainwright

Stato di fermo

Il romanzo noir da cui sono stati tratti i film
‘Garde à vue’ e ‘Under Suspicion’

 

Un uomo con troppi segreti per essere innocente, incastrato da una serie di fatti che non chiamare prove sarebbe “spingere l’idea di coincidenza ben oltre la linea dell’orizzonte”; uno sbirro tutto d’un pezzo, esperto nell’arte di condurre per mano il colpevole fino a quella piena confessione che è, nelle sue convinzioni, ciò che l’assassino desidera fare; tre delitti particolarmente odiosi ed efferati; una stanza anonima in un’anonima stazione di polizia della provincia britannica; una lunga notte e il fumo di moltissime sigarette.
Con questi ingredienti, John Wainwright costruisce una tensione narrativa e psicologica costruendo uno scontro verbale carico di sfumature e di doppifondi, trasformando il romanzo in una lucida riflessione sulla crudeltà e sull'ipocrisia insite nell'animo umano, che, per quanto nascoste sotto la patina di rispettabilità ostentata nel quotidiano, sono pronte a rivelarsi in qualunque momento con spietata ferocia.

 

il Bosco di latte

ottobre

 

 

 

 

 

 

Valerij Brjusov

Racconti dell'Io

 

Alla loro uscita questi racconti suscitarono infinite polemiche, a causa della cruenta e inusitata rappresentazione di eccessi e perversioni umane; spesso mostrate, tra l'altro, sovrapponendo i piani del sogno e della realtà e così precorrendo, in qualche modo, la psicanalisi. I lettori erano propensi a cercarvi esperienze e drammi della loro vita privata. La fragilità mentale e l’epoca stessa, con i suoi problemi sociali e politici, favorivano l’atmosfera e i personaggi inquietanti dei racconti, centrati sull’analisi delle deformazioni e deviazioni mentali dell’Uomo nei rituali della quotidianità.
Le visioni allucinatorie qui descritte non sono forse altro che una via d’uscita anelata dagli stessi protagonisti, che si affidano ai segni e alle immagini magiche pur di rendere l’irreale reale e l’insopportabile sopportabile.
Valerij Brjusov è considerato l'Edgar Allan Poe russo.