seguici sulla ns pagina

La casa editrice
prossime uscite
catalogo
autori
distribuzione
Collane
narrativa
libri inchiesta
saggistica
il bosco di latte
in utero
la sposa del deserto
filosofia
criminologia
satirica
gli introvabili
Comunicazione
eventi
la stampa
contatti
link
newsletter
area riservata
Il progetto Paginauno
la casa editrice
la rivista

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura creativa
e FilmMaking

 

 

 

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Prossime uscite

 

settembre 2019
saggistica

 

 

 

 

 

 

 

Matteo Luca Andriola

La Nuova destra in Europa
Il populismo e il pensiero di Alain de Benoist

Nuova edizione aggiornata a oggi

L'esplosivo e sorprendente successo elettorale dei movimenti di destra alle ultime elezioni europee è la ragione che ci ha suggerito di riproporre, aggiornato di quattro anni, il saggio La nuova destra in Europa (Paginauno, 2014). In quell'occasione, Andriola identificava in una rivoluzione ideologica di destra iniziata quarant’anni prima, le ragioni di quel inatteso successo elettorale dei movimenti della Nuova destra, fra i quali emergevano la Lega Nord che da Bossi era appena passata a Matteo Salvini, e il movimento francese guidato da Marie Le Pen la quale, defenestrato il vecchio padre-padrone, rivestiva di nuovi panni ideologici l’ormai vetusto Front National.
In questa nuova edizione – aggiornata a oggi – Andriola analizza le ragioni della recente, ulteriore crescita dei movimenti e dei partiti della destra, che hanno condotto la Lega di Salvini a essere il primo partito d’Italia (34,33) e Marie Le Pen (23,2%) a sconfiggere clamorosamente l’“astro nascente” Emmanuel Macron. Con uno sguardo aggiornato anche sulla Germania, con il nuovo partito AfD.

 

settembre 2019
narrativa

 

 

 

 

 

Cristine Dwyer Hickey

Farley

 

Farley, un uomo di settantacinque anni, è riverso sul pavimento del proprio bagno, è notte e ha appena avuto un ictus. Mentre la sua mente passa al setaccio il passato, incontriamo l’amico fidato che è stato un tempo, la moglie adorata, la città di Dublino, e la domanda fondamentale: come è accaduto che un uomo così normale si sia ritrovato così solo alla fine della propria esistenza? Tornando indietro, dal penultimo giorno di Farley a decenni prima, il romanzo di Christine Dwyer Hickey è la visione perturbante di una vita straordinariamente comune vista da vicino. Pubblicato per la prima volta nel 2011, ha messo in evidenza il talento di Christine Hickey, la sua prosa che come poche sa modularsi sulle asperità dell’umano, che come la vita stessa riesce a far coesistere sulla stessa pagina dolore e gioia, humour e disincanto, concretezza e poesia.

 

ottobre 2019
saggistica

 

 

 

 

 

 

 

 

Andrea Lapponi

Diario dalla Catalogna

È il racconto di Barcellona durante il referendum indipendentista: della sua vita quotidiana che si intreccia con la politica, la magistratura, le cariche della polizia, il Parlamento chiuso, l'indignazione popolare che si scontra contro uno Stato nel quale la democrazia, i diritti che ormai diamo per scontati nell'Europa occidentale, non lo sono poi così tanto, e accade che siano messi in discussione proprio in nome del diritto e della democrazia.
Andrea Lapponi inizia a scrivere gli “aggiornamenti” nel settembre 2017 su Facebook. Dapprima spontaneamente, in poco tempo diventano virali e sono seguiti da centinaia di persone. Quindi arriva Globalist. La pagina informativa web inizia a pubblicare numerosi post, trasformandoli in veri e propri articoli, e la motivazione che i redattori danno all'autore, quando gli chiedono il permesso di pubblicare, è che “nessuno racconta quello che scrivi tu”. I post proseguono per due anni, e arrivano fino alla fine del dibattito nel maggior processo in corso contro
l'indipendentismo. Processo che la stampa spagnola definisce come l'evento più importante dopo la fine del franchismo.
Quello che qui si vuole far capire è cosa porta più di due milioni di persone a voler uscire dallo Stato spagnolo. Uno Stato mai del tutto depurato dal franchismo e dall'autoritarismo, nel cuore dell'Unione europea.

 

ottobre 2019
narrativa

 

 

 

 

 

Raffaella Musicò

Con la paura ci mangiamo la notte

 

In una Milano dissolta in particelle solitarie dove pare non esserci posto per un salvifico senso di comunità, Amedeo, Giulia, Yumiko, Elena e Roberta si trovano a dover fronteggiare il punto di svolta delle rispettive esistenze. Concentrati sull’insoddisfazione per la vita che stanno vivendo, si sfiorano in incontri all’apparenza superficiali, senza rendersi conto della rete che comincia ad avvolgerli. Finché, in una gelida serata invernale, dentro un parco che si apre su un elegante viale milanese, Adamo, il cane di Amedeo, subisce una brutale aggressione. L’odio degli istigatori e il dolore delle vittime si propagano attraverso le maglie della rete che improvvisamente si stringe attorno ai personaggi, trasformando il vuoto di sogni di ciascuno in un destino comune.