seguici sulla ns pagina

La casa editrice
prossime uscite
catalogo
autori
distribuzione
Collane
narrativa
libri inchiesta
saggistica
il bosco di latte
in utero
la sposa del deserto
filosofia
criminologia
satirica
gli introvabili
Comunicazione
eventi
la stampa
contatti
link
newsletter
area riservata
Il progetto Paginauno
la casa editrice
la rivista

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura creativa
e FilmMaking

 

 

 

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Edith Wharton

Triangoli imperfetti

A cura di Elena Racca Bruno

2018
Il Bosco di Latte
112 pagg.
formato 10 x 16,5 cm
ISBN: 9788899699116

10,00 euro

 

ACQUISTA LIBRO
(al prezzo scontato di 8,00 euro)

 

 

L’Autrice

 

Rassegna stampa

Mangialibri
Lucia Ravera, Triangoli imperfetti
9 maggio 2018

(leggi)

Convenzionali
Gabriele Ottaviani, Triangoli imperfetti
30 aprile 2018

(leggi)

Libri e recensioni
Luisa Debenedetti, Triangoli imperfetti
13 febbraio 2018

(leggi)

 

 

Lui, lei e l’altra (o l’altro): è l’eterno gioco del triangolo amoroso, la cui esistenza più o meno tranquilla, e più o meno esplicita, viene però messa in questione da un evento improvviso, come la morte, o anche semplicemente la malattia di uno dei protagonisti. L’evento provoca rimorsi ed esami di coscienza che investono la responsabilità dei superstiti e sembrano rimettere in dubbio ogni cosa, i sentimenti del passato come quelli del presente, anche se non sempre poi l’epilogo è quello che l’insorgere del dubbio farebbe prevedere. Tre racconti in cui l’autrice de L’età dell’innocenza rivela ancora una volta la sua impagabile maestria nell’analizzare i moti dell’animo femminile – ma non solo di quello – e insieme la sua peculiare capacità di mettere in luce, con sottile e spietata ironia, l’ipocrisia entro la quale essi sono spesso imbrigliati.

 

L’Autrice: Edith Wharton (1862-1937) è una grande penna della letteratura americana; ha dovuto attendere a lungo il riconoscimento che la sua opera indubbiamente merita, e soltanto, forse, con la riduzione cinematografica de L’età dell’innocenza il suo nome si è imposto anche ai non specialisti. Da ricordare di lei i romanzi L’usanza del paese e La casa della gioia, il racconto lungo Etham Frome, e una nutrita serie di racconti, alcuni di fantasmi, altri di ambientazione italiana, altri invece – come quelli qui presentati – dedicati alla spietata analisi delle convenzioni sociali della società nordamericana.


 

Torna su