seguici sulla ns pagina

La casa editrice
prossime uscite
catalogo
autori
distribuzione
Collane
narrativa
libri inchiesta
saggistica
il bosco di latte
in utero
la sposa del deserto
filosofia
criminologia
satirica
gli introvabili
Comunicazione
eventi
la stampa
contatti
link
newsletter
area riservata
Il progetto Paginauno
la casa editrice
la rivista

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura creativa
e FilmMaking

 

 

 

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

 

Sabrina Campolongo

Emma B

 

 

2018
Narrativa
294 pagg.
ISBN: 9788899699215

18,00 euro

 

ACQUISTA LIBRO
(al prezzo scontato di 16,00 euro)

 

L'Autrice

 

 

Altri titoli in catalogo

Ciò che non siamo

 

La vita di Emma sembra essersi assestata sul binario della prevedibilità: madre di due figli avuti da due padri diversi – il primo, Cristian, da un uomo affascinante quanto inaffidabile, la seconda, Elisa, dall’attuale marito che è l’antitesi del precedente – conduce un’esistenza insipida nella provincia brianzola, appena rischiarata dalle soddisfazioni materne e da inconfessati acquisti di capi di lusso a prezzo d’occasione. Anche la crociera con la famiglia, ottenuta grazie a un caso fortuito, sembra destinata a essere l’ennesima esperienza frustrante, fino a che, una sera, si rivela, totalmente inatteso, il talento canoro di Elisa. La scoperta potrebbe essere la svolta insperata, l’accesso a un mondo su cui Emma ha solo fantasticato, allo scintillante ambiente della tv, attraverso il più popolare dei talent. Non resta che farlo accadere.
Quello di Emma B è il percorso di una Madame Bovary moderna, che esercita le proprie ambizioni per mezzo della figlia, ma è anche quello di una madre che vuole salvare la figlia amata dalla condanna al grigiore di un’esistenza di provincia. Un romanzo profondamente attuale, che riflette sui miti della società moderna, ma antico quanto il complicato rapporto tra madri e figlie.

 

La terraferma è ormai solo un’ombreggiatura grigioverde all’orizzonte, la Grecia è ormai alle spalle. Chissà cosa staranno facendo gli invitati della sera prima, alla lu-ce del giorno. Checché ne dica Barbara, avrebbe davvero voluto restare fino alla fine, ieri notte, vedere l’alba e poi magari anche dormire alla villa, e scendere poi sulla spiaggetta meravigliosamente vuota, immergersi in quell’angolo privato di mare.
Abbassando lo sguardo si accorge che la sedia a sdraio è vuota. Elisa è sparita co-me un gatto, senza una parola. La cerca, non la vede, da quanto se ne è andata? Infine la scorge, di spalle, anzi di tre quarti, davanti alla porta. Si è fermata per far uscire una coppia di anziani, ha le labbra appena incurvate in un sorriso cortese, l’ombra della tettoia la fende in diagonale, la pelle delle cosce leggermente arrossata sul retro, dove non chiede più che le si spalmi la crema. Emma si sente mancare il fiato. Per un attimo non l’aveva riconosciuta, per un attimo le era sembrata più grande, un’anonima giovane donna. Si stacca dal parapetto, avanza di un passo e apre la bocca per chiamarla, non sa nemmeno perché, ma Elisa ora le volta le spalle e sparisce nel buio delle scale.

 

 

L'Autrice
Sabrina Campolongo è nata in provincia di Milano e vive a Monza, dove lavora co-me traduttrice e tiene corsi di traduzione letteraria e di scrittura creativa. Il suo ultimo romanzo è Ciò che non siamo (Edizioni Paginauno, 2016).

 

 

 

Torna su