seguici sulla ns pagina

La casa editrice
prossime uscite
catalogo
autori
distribuzione
Collane
narrativa
saggistica
il bosco di latte
in utero
la sposa del deserto
Comunicazione
eventi
rassegna stampa
area stampa
contatti
link
newsletter
area riservata
Il progetto Paginauno
la casa editrice
la rivista

la scuola
corsi di scrittura creativa, giornalismo d'inchiesta, traduzione letteraria

 

 

 

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

 

Sabrina Campolongo

Il figlio

 

 

2020
Narrativa
260 pagg.
ISBN: 9788899699420

18,00 euro

 

ACQUISTA LIBRO
(al prezzo scontato di 16,00 euro)

 

L'Autrice

 

 

Altri titoli in catalogo

Ciò che non siamo

Emma B

 

Rassegna stampa

L'Adigetto
Il figlio
Luciana Grillo
2 settembre 2020

(leggi)

Il Cittadino
Campolongo, Nuccio e Cocco&Magella finalisti del Premio letterario Brianza

Rosella Redaelli
27 agosto 2020

(leggi)

Librando Magazine
Il figlio
Marco Milani
12 agosto 2020

(leggi)

Rockerilla
La relazione opaca tra procreazione e maternità. Eppure i corpi sono al centro
Laura Marzi
14 aprile 2020

(leggi)

Il manifesto
Il figlio
Eleonora Serino
1 marzo 2020

(leggi)

Esteticamente
Il figlio
29 febbraio 2020
(leggi)

Il Quotidiano del Sud
La famiglia tra ferite e violenza
29 febbraio 2020

(leggi)

Convenzionali
Gabriele Ottaviani
Il figlio

20 febbraio 2020

(leggi)

«Hanno trovato tuo padre.»
Tommaso lascia cadere il braccio che regge il telefono, prende una profonda boccata di fumo, lo soffia verso la striscia azzurra di cielo che avanza indifferente. Sente, ma lontana, la voce di sua moglie. «Ci sei? Tommy, sei lì?»
Riprende il telefono.
«Morto» dice. Non proprio una domanda.

Tommaso ha preso dal padre – Ottavio Manfrè, il grande attore – gli occhi prodigiosi e la passione per la recitazione. Da sempre vive nella luce abbagliante che avvolge la figura pubblica, amata e incensata, e nelle ombre profonde che l’uomo, il marito, il padre hanno lasciato dietro di sé. Ma ora che Ottavio ha scelto di recitare in solitudine il suo ultimo atto, il confronto non può più essere rimandato.
Sabrina Campolongo torna a raccontare la violenza e la dolcezza della famiglia, con una storia che parla di ferite, eredità e talento.

 

“C’è una certa bravura in Sabrina Campolongo, nel non ‘sbrodolare’ nel tenere, dei particolari, solo l’essenziale.”
Grazia, Valeria Parrella

“Sabrina Campolongo è della razza di Yasmine Reza (Carnage, Felici i figli) e del primo Herman Koch (La cena e Villetta con piscina) muove da un episodio individuale e sottotraccia arriva al paradigma collettivo.”
Solo libri, Mario Bonanno

“Il talento di Sabrina Campolongo, sta nel raccontare senza dire, nel disegnare le sfumature dei caratteri dei suoi personaggi senza pretendere di tracciare contorni definiti, di racchiuderli in strutture preconcette.”
Il Mangialibri, Lisa Puzella

“Sabrina Campolongo indaga e declina con levità densa di senso il rapporto tra genitori e figli e la società attuale.”
Convenzionali, Gabriele Ottaviani

 

 

L'Autrice
Sabrina Campolongo è nata in provincia di Milano e vive a Monza, dove lavora come scrittrice, traduttrice e tiene corsi di traduzione letteraria e di scrittura creativa. Per le Edizioni Paginauno ha pubblicato i romanzi Ciò che non siamo (2016) e Emma B (2018).

 

 

 

Torna su