seguici sulla ns pagina

La casa editrice
prossime uscite
catalogo
autori
distribuzione
Collane
narrativa
saggistica
il bosco di latte
in utero
la sposa del deserto
Comunicazione
eventi
rassegna stampa
area stampa
contatti
link
newsletter
area riservata
Il progetto Paginauno
la casa editrice
la rivista

la scuola
corsi di scrittura creativa, giornalismo d'inchiesta, traduzione letteraria

 

 

 

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

 

Alice Rivaz

Il cavo dell'onda

Traduzione di Alberto Panaro

 

2021
Narrativa
320 pagg.
ISBN: 9788899699598

21,00 euro

 

ACQUISTA LIBRO

 

L'Autrice

 

 

Altri titoli in catalogo

Come la sabbia

La pace degli alveari

Racconti di memoria e d'oblio

Nuvole fra le mani

L'alfabeto del mattino

Getta il tuo pane

 

 

“Straordinaria, ineguagliabile Alice Rivaz, riesce a nominare l’impresentabile della vita di donne e uomini in poche pagine, quando altre e altri lo fanno, senza la stessa forza e felice spudoratezza in poderosi saggi.”
Lea Melandri

Quando l'amore non sboccia e rimane idealizzato, entrano in gioco le paure. In questo romanzo, Alice Rivaz ne mostra le ombre lunghe e non esita a esplorare le situazioni comiche, felici o tragiche che ne derivano. Opera della maturità artistica, Il cavo dell'onda, seguito di Come la sabbia (1946), è stato pubblicata solo ventuno anni dopo, come se Alice Rivaz avesse voluto prendersi il tempo e la distanza necessari per comprendere la situazione dell'Europa pre-bellica. Le sue profonde analisi delle aspirazioni e degli errori dei protagonisti possono essere letti indipendentemente dal romanzo che lo precede. Soprattutto se piacciono i contrasti creati dalla neve in primavera.

 

L'Autrice
Alice Rivaz (Rovray 1901 - Ginevra 1998) La sua opera anticipa le tematiche che saranno poi sviluppate dai movimenti femministi internazionali, ma, influenzata dalle idee politiche del padre socialista, non ha trascurato la realtà degli emarginati affrontando anche argomenti considerati tabù come l'omosessualità e l'antisemitismo. In Come la sabbia si individuano già tutti i temi che esploderanno ne La pace degli alveari, pubblicato l’anno successivo, nel 1947. L’approccio particolarmente sovversivo genera un’accoglienza tiepida, ed è solo con la ristampa del 1970 che arriva il premio Libro del mese a Losanna. Lì si innesca la riscoperta di Alice Rivaz, che la pone a ragione tra le pioniere del pensiero femminista europeo.

 

 

Torna su