seguici sulla ns pagina

La casa editrice
prossime uscite
catalogo
autori
distribuzione
Collane
narrativa
libri inchiesta
saggistica
il bosco di latte
filosofia
criminologia
satirica
gli introvabili
Comunicazione
eventi
la stampa
contatti
link
newsletter
area riservata
Il progetto Paginauno
la casa editrice
la rivista

la scuola
corsi di giornalismo d'inchiesta, scrittura creativa
e FilmMaking

 

 

 

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice

Walter G. Pozzi

Carte scoperte

Il racconto di un moderno Mattia Pascal
La fine di un’epoca, politica e sociale
Una commedia amara sul cambiamento

2015
Narrativa
194 pagg.
ISBN: 9788890926372

15,00 euro

ACQUISTA LIBRO
(al prezzo scontato di 13,00 euro)

 

L’Autore

 

 

Rassegna stampa

Ultima voce
Ilppolita Luzzo
Carte scoperte, il libro di Walter Pozzi
10 novembre 2016

(leggi)

Convenzionali
Gabriele Ottaviani
Carte scoperte
19 aprile 2016

(leggi)

OkRadio
Laura Defendi
intervista
Walter G. Pozzi
nella trasmissione
Break News
8 febbraio 2016
(guarda)

Odissea
Cataldo Russo
Carte scoperte

gennaio 2016

(leggi)

Il dialogo di Monza
Valeria Savio
Carte scoperte

8 dicembre 2015

(leggi)

 

 

 

Altri titoli in catalogo

Altri destini

L'infedeltà

Il corpo e l'abbandono

 

 

A sessantadue anni Mario sembra aver ritrovato il proprio equilibrio: si è buttato alle spalle sei mesi di carcere per piccoli reati fiscali e il divorzio chiesto dalla moglie. Sbarca il lunario grazie all’abilità con le carte frequentando un circolino di anziani nostalgici del Pci, con i quali condivide la fede politica, e vive ospite di una giovane amica sempre in viaggio per affari. Finalmente, creditori e cartelle esattoriali hanno perso le sue tracce.
Sono gli anni del primo governo di centro-sinistra, delle riforme del mondo del lavoro e dei bombardamenti in Kosovo. Flessibilità e Guerra Giusta diventano le nuove parole della politica. La sorpresa e la delusione pervadono i soci del circolo, ma Mario, solo e senza soldi, può consolarsi nell’idea che, destra o sinistra al governo, per lui ben poco cambierebbe. Eppure quando arriva il momento delle elezioni, il richiamo del dovere civico inizia a tormentarlo, e si ritrova a dover scegliere tra la libertà dell’anonimato e il ritorno nella sua vita degli ufficiali giudiziari.
Ambientato tra il 1998 e il 2003, Carte scoperte è una commedia amara sul cambiamento, personale, sociale e politico, e sull’impossibilità di essere padroni della propria vita.

 

Mariano: non leggeva libri, sfogliava ogni tanto la Gazzetta dello Sport. Giocava a tennis e, durante la pausa pranzo e la domenica mattina, inforcava la bicicletta e si sparava un centinaio di chilometri come acqua fresca. Per non perdere la forma fisica mangiava come un ostaggio e dimagriva tanto da preoccupare le sue clienti e indurre alcune di loro, le più apprensive, a sincerarsi che stesse bene. Alla sera, se c’era una partita di calcio, allora be-ne, sprofondava sulla poltrona per seguirla. Altrimenti, come il Marcel di Proust, andava a letto presto. Per il resto, la vita era il suo negozio. Ma, ancora, che cosa gli sfuggiva di quell’uomo? Mario non ne veniva a capo. Finché, in un momento di radiosa illuminazione, ecco una frase che definiva la tristezza di una vita come quella: ma sì, aveva pensato, è maledettamente semplice! Quest’uomo non vive la parola! Come gli animali! Abita giusto le tre dimensioni di spazio e quella del tempo. Significava usare le strutture sociali per cibarsi, come fanno le bestie con la giungla, prive di una quinta dimensione, quel-la della parola, quella delle costruzioni ideologiche e delle religioni, attraverso l’afflato vitale e creativo del Verbo.
Mariano ringhiava guaiva sbuffava leccava. In lui, il linguaggio era il misterioso strumento con cui attivava le elementari convenzioni familiari e lavorative.
«E l’ingegnere è come lui. Se non che, il Mantechi è più distruttivo: costruisce, specula, sfrutta, non diversamente dall’animale che usa il cespuglio per un agguato» disse Mario. «A voler trovare una differenza si può dire che l’ingegnere è un carnivoro e Mariano un erbivoro.»
«E noi, allora?» chiese Geremia, «che cosa siamo?»
L’occhiata del ragazzo era volata al Che appeso al muro.
«Mettiamola così. Tu sei un erbivoro evoluto e quelli del terziario dei parassiti.»
«E tu?»
Già! E io?, pensò Mario. «Niente» disse fissando lontano, al di là di una vetrata dove una coppia si attardava nei propri guaiti in un corteo di soffi e sbuffi. «Fino a poche ore fa ero convinto nemmeno di esistere.»


L’Autore: Walter G. Pozzi (Monza, 1962) è scrittore, sceneggiatore e insegnante di Scrittura creativa.
Ha pubblicato i romanzi: Il corpo e l’abbandono (Tranchida 1997 e 2000), L’infedeltà (Tranchida 2000), Altri destini (Tranchida 2003, Paginauno 2011) e, in collaborazione con altri autori, la collettanea di racconti Sorci verdi. Storie di ordinario leghismo (Edizioni Alegre, 2011).


 

Torna su